“Mattina” di G. Ungaretti

“M’illumino d’immenso” A proposito di questa brevissima lirica, sentite cosa ne scrive Benedetto Croce (B. Croce, “Letture di poeti”, Bari, Laterza, 1950, pp. 279-280): “Ci sono due versi, o piuttosto alcune sillabe, divenute quasi popolari in Italia (come “La vispa Teresa”) le quali campeggiano in un volume di versi, solitari e solenni, nel bel mezzo di una pagina bianca: “M’illumino d’immenso”. Molti, a quanto sembra, … Continua a leggere “Mattina” di G. Ungaretti

“Il Capitano” di Giuseppe Ungaretti

Al centro della travagliata esistenza di Giuseppe Ungaretti c’è la ricerca inquieta di una terra “promessa” e di un approdo a cui ancorare la sua condizione di “uomo di pena” e di “girovago”, sempre “pronto a tutte le partenze” e sempre in cerca di un “paese innocente” ove superare la sua angosciosa solitudine e “godere un solo minuto di vita iniziale”. Il suo peregrinare ha … Continua a leggere “Il Capitano” di Giuseppe Ungaretti