La poesia di Rosetta Lombardi Comite

Al centro del mondo poetico di Rosetta Lombardi Comite e delle sue due raccolte di liriche “Gralimi, arrisi e…canti” del 1987 e “Non di pozzu cchiù” del 1990, c’è soprattutto l’amore per la propria terra, per i numerosi paesi calabresi, “trisori sparsi ‘nta terri sperduti”, “perli ammucchiati”, dove tutti si conoscono fin dalla nascita e tutti si ritrovano insieme nei momenti di gioia e in modo particolare nei momenti di dolore; dove l’amore e l’amicizia sono veri e sinceri.

Nei suoi versi, “dittati da ‘nu cori calabrisi” è ancora possibile ritrovare, accanto o insieme alla spontaneità e alla semplicità di atti, di gesti e di comportamenti, la forza di un’umanità semplice e schietta che crede nei valori della fratellanza e della solidarietà:

“Sarria cchjù giustu ‘u ‘ndi volimu beni
e ‘u simu tutti comu frati e soru;
a bbicenda ‘u nd’alleggiamu i peni,
cussì sarria ‘sta vita ‘nu trisoru”.

(Dalla lirica “Vali la pena”)

Un posto importante nelle sue liriche hanno l’amore e il sentimento della natura; l’amore è visto soprattutto come un sentimento che fa “sbarjari”, come una forza incoercibile che, quando “ti tocca”, “t’appiccia, ti vrucia, / ti sbampa!/ Ti roci lu ciaraveju/ junta ‘nto pettu lu cori/ e cchjù non si campa!”.

Non sempre l’amore è sincero; spesso è fuoco di paglia; “è comu la nivi:/ cumpari e viatu si squagghja”. L’amore è un brutto malanno che fa saltare il cuore, fa “avvampari”; esso non dà pace e fa passare “u jornu/ sempri/ a suspirari” (dalla lirica “L’amuri”).

Solo l’amore in Dio dà pace e salvezza; solo nell’amore del Signore la nostra poetessa trova la vera gioia:

“Vegnu, Signuri, non ndi pozzu cchjù
di giravoti senza ‘na fermata.
La gioia vera ma duni sulu Tu;
sulu ‘nte vrazza toi mi sentu amata”.

(Dalla lirica “Ti sentu”)

Il sentimento della natura (vedi le liriche “Cuncertu d’agustu, “Rondineja”, “Celu calabrisi”, “Mari e celu”, “Lu suli si vagna”, “È sira”, “Capulavuri”) è sentito da Rosetta come ammirazione delle straordinarie bellezze naturali, ma anche come una specie di francescano cantico delle creature (cicaleji, licerti, farfalli, api, aceji, furmiculi…).

E c’è poi lo splendido paesaggio calabrese, col suo cielo e il suo mare di mille colori e dalla “randi bellizza”; ci sono infine i tanti “capulavuri” che la nostra poetessa vede dovunque volga lo sguardo:

“Adduvi guardu viju bellizzi
ch’ inchinu lu cori di cuntentizzi;
viju pittati capulavuri
e fu lu Patraternu lu pitturi”.
(Dalla lirica “Capulavuri”)

Ma nella poesia di Rosetta c’è anche il momento della protesta, della polemica nei confronti soprattutto dei politici che nulla hanno fatto per la nostra Calabria; fanno solo promesse e pensano soltanto ai loro interessi:

“L’acqua o mulinu loru <van> tirandu
e si ndi fricanu s’hai li strati spatti:
vorrenu scammacciati comu… bratti”.

(Dalla lirica “Strati calabrisi”)

Ma la responsabilità di tutto questo è anche del nostro piangerci continuamente addosso, del nostro dare sempre agli altri la colpa di tutti i nostri mali: mali -annota Rosetta- che non si curano “cu’ gralimi e lamenti”, ma solo cambiando modo di pensare e di ragionare e scegliendo gente onesta, seria e responsabile:

“Spicciamula i’ciangiri, Calabrisi,
co’ chjantu no’ portau mai mangiari;
ca si bolimu la sorti cangiari,
cangiamu testa nui, prima i parrari,
e poi penzamu chi potimu fari”.

(
Dalla lirica “Spicciamula i ciangiri”)

La nostra -scrive Rosetta- è una “terra d’onuri”, “mprofumata” e “mpastata di suduri”. Ed è per questo che non dobbiamo assolutamente sentirci figli di un Dio minore, ma orgogliosi di appartenere ad una terra ricca di arte, di storia e di civiltà su cui far leva per un nostro futuro riscatto.

Ma la nostra poetessa ha anche nostalgia di un passato da lei vissuto con semplicità e schiettezza; ha nostalgia dei giochi infantili (u campanaru, a ‘mmucciateja, u tanatu, a papa), di feste e di momenti di gioia:

“Com’era bellu lu vrasceri, ‘na vota…
A pignata c’a suriaca no’ mancava
e mandava n’adduri chi ti jettava…”.

(Dalla lirica “U vrasceri”)

Come ex maestra elementare, Rosetta ricorda i suoi alunni che al momento della ricreazione tiravano fuori dalla borsa:

“Na capata di pani ‘nto maccaturi ‘ngruppata,
‘na junta d’alivi e carni salata.
Oggi, invece, a scola, all’ura du mangiari
pari ‘na putigha di generi alimentari”.

(Dalla lirica “Parinu serpi ‘mpisi a sipala”)

Non è bello il mondo di oggi: un mondo profondamente ingiusto, senza valori in cui piange la mala sorte anche il nostro Pianeta:

“Ciangi lu mari cu tutti li pisci,
ca s’è gurna o mari cchjù non capisci;
l’arburi tutti li stannu tagghjandu
e puru l’ossiginu va’ assuttigghjandu”.

(Dalla lirica “Ciangi la Terra”)

Il progresso ha certamente contribuito a migliorare le condizioni di vita dei cittadini, ma sta conducendo il nostro Pianeta verso l’apocalisse. Si parla sempre più frequentemente di centrali nucleari, di inquinamento, di disastri ambientali; non ne può più, Rosetta, di guerre, di stragi e di violenze di ogni genere; e lo dice con la bellissima lirica “Non ndi pozzu cchjù” che dà il titolo alla raccolta:

“Non ndi pozzu cchjù pemmu ndi sentu
guerri, droga, mafia e ammazzamenti…
Basta, spicciatila! Non ndi pozzu cchjù”.

Concludo con alcuni versi di una sua bellissima poesia, “Parranu i cosi”, in cui Rosetta riprende, rovesciandolo, un antico assunto secondo il quale le cose sono mute e silenziose perché non vogliono svelare i segreti che gelosamente esse custodiscono. E, invece “i cosi parranu”, soprattutto quando scende l’oscurità della sera o della notte:

“È sira! E tutt’ a genti si ricogghji;
si senti lu rumuri di li fogghj:
Mo ‘ndarriva la notti chjanu chjanu
e nta lu sonnu tutti sprufundamu,
e mentri muta, o genti, tu riposi
chiara si sent’ a vuci di li cosi”.

2 pensieri su “La poesia di Rosetta Lombardi Comite

  1. Che bellezza!….queste poesie oggi più che mai da ricordare!!!
    Non potevo non rispondere…. vita in parte da me vissuta. E devo dire che mi sento una “privilegiata”, si è così.
    Grazie per averci ricordato questi valori dettati da una quotidianità semplice, che oggi purtroppo manca!
    Anna

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...